This post is also available in: Español (Spanish) Italiano (Italian)

The small team from San Marino is always present in all the most important European and World Championships…Forza San Marino! Abbiamo sentito Mimmo Macaluso.

Non ci preoccupano le condizioni in Danimarca, perchè abbiamo avuto una esperienza in Finlandia con condizioni di acqua e pesci simili. Per noi va bene perchè siamo abituati ad acqua torbida e fredda in Adriatico nelle dighe frangiflutti. La maggior parte degli atleti pescheranno fra i 10 e 15 metri, anche perchè a profondità maggiore è buoi e bisogna usare la torcia. Anche la pesca da terra evita la pesca con peso a sgancio e quindi semplifica molto. La CMAS dovrebbe valutare di allargare le competizioni con partenza da terra in modo da ridurre i costi di partecipazione evitando i gommoni. A  nuoto è più dura per tutti, ma livella le possibilità di tutti.

Certamente per questa gara bisogna avere molte qualità, ma soprattutto fisico.

Con questa soluzione senza gommoni si possono spendere meno soldi da parte della federazione nazionale e questo potrebbe ridurre i costi per gli atleti, che non possono permettersi, soprattutti piccoli paesi come San Marino, di spendere 4 o 5 mila euro per partecipare.

Come San Marino potremmo fare bene, anche perchè è facile compromettere la gara. Certamente i paesi favoriti del Mediterraneo non saranno competitivi, mentre lo saranno quelli dei Paesi Scandinavi. Loro sanno come percare e dove trovare i pesci. Anche i Portoghesi e Spagnoli che pescano in Atlantico possono pescare con condizioni simili di acqua torbida efredda, così Jody Lot e Pedro Domingues potranno fare bene. Fra gli Italiani un atleta come Stefano Claut certamente potrà essere forte.

Insomma, speriamo che in queste condizioni noi di San Marino potremo avvicinarci un poco ai mostri sacri.