Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Spagnolo

Guillem Miralles con una fantastica cernia bruna

Il protagonista di questa intervista è Guillem Miralles, un esperto pescatore subacqueo conosciuto e amato nella nativa Maiorca. Lo vediamo spesso sia nei campionati regionali che in alcuni campionati nazionali, nei quali ha sempre ottime prestazioni. Oltre ad essere un grande pescatore e concorrente, è il rappresentante del marchio Picasso nelle Isole Baleari. Scopriamo un po’ di più su di lui.

Bernat Castell. Nel 2020 tutto è stato un po’ rallentato dalla questione della pandemia, suppongo che come per tutti sarà stata un problema, ma è comunque servita un po’ come occasione per riorganizzare le idee.

Guillem Miralles. La pandemia mi ha sorpreso in tutto e per tutto, come pescasub ho dovuto reinventarmi per non perdere la forma fisica, ho alternato serie di apnea in piscina, cyclette, un po’ di TRX per combattere un la voglia di uscire in acqua e in qualche modo sentivo che stavo facendo qualcosa che mi avrebbe aiutato a tornare in acqua nel migliore dei modi.
Da concorrente mi ha aiutato ad acquisire un metodo di lavoro senza dover necessariamente andare in acqua, e quando siamo usciti dal lockdown ho subito visto che ero allenato come al solito, non sentivo che non c’era l’allenamento in acqua.
Il marchio PICASSO mi ha supportato in ogni momento, anche se non abbiamo gareggiato, in questo senso è una tranquillità.

BC. Sei un pescatore esperto che ottiene buone catture, che consiglio puoi darci?
GM. Per ottenere buone catture è un misto di conoscenza del territorio, lavoro di rilievo, sapere quali specie cercare in ogni stagione dell’anno, intuizione, ecc.
Il mio consiglio è di andare al massimo in acqua, e quando vedi un pesce grosso, segnati le condizioni in cui l’hai visto (temperatura dell’acqua, corrente …) e riprova quando si verificano le stesse condizioni.
Personalmente sono abbastanza dipendente dalla ricerca di nuove aree con l’ecoscandaglio, è come avere dei mini tesori, e se trovi zone che vengono pescate raramente, di solito vengono fuori pezzi molto belli.

BC. ti abbiamo visto avere ottime prestazioni nelle competizioni, come affronti i campionati? Che preparazione gli dedichi?
GM. I campionati, soprattutto i primi, li ho presi come un modo per imparare e conoscere nuovi amici. Man mano che evolvi, la situazione cambia un po’, mi piace essere il più in alto possibile in classifica e cerco sempre di fare un buon lavoro.
La preparazione che dedico alle competizioni dipende molto da come riesco a organizzarmi con il mio lavoro, e dall’importanza del campionato. Solitamente dedico i primi giorni ad effettuare un sopralluogo della zona per scoprire quali specie faranno la differenza e poi adattare ad esse lo stile di pesca più appropriato per raggiungere l’obiettivo che mi sono prefissato (specie, chiusure, numero di prede).

BC. Continuando con il tema dei campionati, anche se oggi è difficile fare progetti … Hai un obiettivo prefissato?
GM. Il mio obiettivo è sempre quello di essere tra i primi 5 delle Isole Baleari, per vedere se un giorno posso andare al campionato spagnolo individuale. Nelle Isole Baleari abbiamo ottimi pescatori che rendono questo obiettivo molto difficile.
Nel resto dei campionati il ​​mio obiettivo è divertirmi e stare con gli amici.

BC. Riguardo al materiale che usi, c’è un elemento che vorresti mettere in evidenza? Quello che non cambieresti per nessun altro.
GM. Ragazzi, penso che la barca sia quello che non cambierei per niente, dato che ci dà libertà di movimento nella zona e giornate favolose da condividere con amici e famiglia.
Per il resto del materiale, tutto ciò che mi fornisce il mio sponsor Picasso si adatta a me in modo eccellente.

BC. Sei con Picasso da molti anni, quindi possiamo dedurre che il rapporto è buono.
GM. Proprio quest’anno abbiamo festeggiato 10 anni insieme. Hanno scommesso su di me quando stavo iniziando nelle competizioni e grazie a loro in tanti momenti è stata la motivazione per dare un po’ di più nelle gare o per cercare un bel pezzo per alcuni fotografie.

BC. Picasso è un marchio già consolidato nel mercato spagnolo e internazionale, che lavoro c’è dietro e come valuta l’accettazione del marchio tra i pescatori subacquei?

GM. Picasso è sul mercato spagnolo da molti anni, hanno vestito con i loro prodotti campioni come Pep Amengual, Alberto March, Pedro Carbonell, Pepe Viña, Oscar Cervantes, Miguel Galera e molti altri, che dimostrano che Picasso è un marchio con materiale ottimo per la pesca subacquea.
Tutti questi pescatori hanno aiutato la crescita del marchio, e aiutato i pescatori che hanno iniziare ad usare i prodotti Picasso.
L’accettazione che il marchio ha è molto buona, e anche se ci sono sempre più marchi tra cui scegliere, il cliente ha la certezza che ogni articolo Picasso è stato pensato e testato da grandi pescatori.

 

Risultati sportivi
2 ° Campionato delle Baleari a squadre 2010
3 ° Campionato delle Baleari a squadre 2013
2 ° Campionato delle Baleari a squadre 2014
2 ° Campionato delle Baleari a squadre 2016
3 ° Campionato di Maiorca 2017
2 ° Open Sebastià Carbonell 2018
3 ° Campionato individuale delle Baleari 2019
3 ° Campionato di Maiorca 2019
2 ° Open Sebastià Carbonell 2020