Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Spagnolo

(Testo Bernat Castell Pallicer – foto Eneko Fernández)

Eder García grande cernia bruna
Eder García ricciola

Eder García è nato nel 1990 a Bilbao e ha iniziato a pescare in apnea nel 2005, all’età di 15 anni.

Ho incontrato Eder nel 2011 in un campionato under 23 svoltosi a Euskadi (Paesi Baschi), che alla fine sarebbe stato l’inizio dei campionati nazionali under 23 che sono attualmente ampiamente accettati, ma questa è una storia che merita un articolo dettagliato. In quell’occasione in cui partecipavo come tecnico per la squadra delle Baleari, Eder conquistò la vittoria tra un gruppo di ragazzi, tutti appassionati di pesca subacquea, dimostrando già grandi qualità sportive e umane, cosa che negli anni ha ulteriormente sviluppato.

Bernat Castell. Eder, hai vinto diversi campionati Euskadi under 23 e anche uno nazionale in questa categoria, che ne pensi dei campionati under 23? Raccomandi ai ragazzi di partecipare a questo tipo di campionato?

Eder García: Penso che sia l’essenza, la chiave, la password per sostenere il futuro della pesca in apnea nelle competizioni. Il mio mondo nelle competizioni è iniziato con i tipici club, dove ho potuto vedere come funziona il sistema; i pro e i contro di questa modalità. Successivamente sono entrato nei campionati ufficiali Under-23, dove ho ottenuto i miei primi trionfi in competizione, 3 campionati Euskadi e uno nazionale, insieme anche ad  alcuni podi a livello nazionale.

Senza dubbio consiglio a tutti coloro che entrano in questa categoria di iscriversi a tutte le gare che possono, per poi valutare se gli piace e se vale la pena proseguire, ma mi concentrerei maggiormente sugli allenatori della nazionale e su tutte le persone che hanno il potere di promuovere i pilastri del nostro sport (i giovani), e fare tutto il possibile per renderli visibili; accompagnarli, farli sentire parte della squadra, cosa che sembra essere stata raggiunta ultimamente, poiché, nei miei primi giorni, pur avendo selezionatori nazionali nella mia comunità, nessuno ha mostrato l’interesse che dovrebbe avere questa categoria (un semplice bando, andare a vedere le gare, interesse …), tranne Javier Mendoza e Jose Luis Arriola, che sono stati i promotori assoluti di questa categoria.

Questi inizi mi hanno anche aiutato a ottenere sponsor e ad apparire sui media come riviste, pagine Internet … un modo per farci conoscere …

BC. Oltre agli under 23, hai vinto diversi campionati assoluti Euskadi e sei detentore di diversi record.

EG: Sì, mentre partecipavo agli U-23, stavo già affrontando anche l’assoluto, e sono il più giovane partecipante basco a vincere un assoluto.

A soli 22 anni, dopo essere arrivato 2° nei Paesi Baschi e aver vinto il Gran Joseba Kerejeta, ho partecipato al mio primo campionato nazionale, nelle Asturie, dove, in quello e in diversi altri campionati nazionali, sono stato il più giovane atleta a partecipare.

A livello personale, va notato che, oltre ad essere il più giovane concorrente basco a vincere un assoluto, sono l’unico concorrente con tutti i titoli possibili di pesca subacquea nei Paesi Baschi: CAMPIONE DI EUSKADI, BIZKAIA e GIPUZKOA.

BC. Hai partecipato più volte ai Campionati Nazionali assoluti, anche in alcuni di loro essendo il pescatore più giovane dell’edizione, com’è stata l’esperienza?

EG: L’esperienza in questo tipo di campionato è diversa da quelle regionali, poiché quando arrivi sul luogo di preparazione e ti circondi di tutti quegli amici che vedi una volta all’anno e che condividono con te la stessa passione, l’obiettivo principale passa dalla vittoria alla voglia di divertirti, stare con loro e ricordare aneddoti divertenti.

Alla fine dai campionati nazionali ho tanti amici in tutto il paese e tante esperienze, visto che a livello sportivo non ho ottenuto grandi risultati.

BC. Sei ancora giovane e hai tanta strada da fare in gara, in quali aspetti pensi di essere più forte e in quali pensi di dover migliorare?

EG: Iniziare così giovane a competere e soprattutto a vincere, mi ha costretto a dovermi evolvere molto velocemente (mentalmente e fisicamente), saltando tutti i passi che avrei dovuto effettuare negli anni. Ho formato una mente altamente sviluppata a livello competitivo; saper organizzare molto bene le mie idee e strategie, ma è vero che questo passaggio drastico ha fatto sì che di tanto in tanto noto una mancanza di esperienza per affrontare alcuni nuovi ostacoli.

BC. Hai fissato un obiettivo per te stesso in questo sport?

EG: Se ti dico la verità, qualche anno fa mi sono posto l’obiettivo di vincere l’assoluto a Euskadi e successivamente, essere il primo concorrente a vincere tutti i titoli baschi. Una volta raggiunto questo obiettivo, non ho un obiettivo in mente, sono in un momento in cui aspiro di più a viaggiare, imparare e valorizzare ciò che ho raggiunto.

Ho 30 anni e credo che ora inizi il mio periodo migliore per la competizione, ma sono anche consapevole di gareggiare da molti anni, con ciò che comporta (molta preparazione fisica e psicologico) sulla mia età, quindi non mi è chiaro quando fermarmi, se continuare … Farò quello che voglio al momento.

BC. Lasciando da parte la competizione, quale tipo di pesca ti piace di più praticare?

EG: Indubbiamente, a causa del tipo di mare in cui pesco, l’agguato è il tipo di pesca da cui ottengo i frutti maggiori, dove servono più malizia ed esperienza per ottenere le catture migliori, dove mi sento più a mio agio. È anche vero che non tralascio le altre modalità, tra cui la pesca a sgancio, cosa che poche persone praticano in questo mare.

BC. Hai pescato in altri mari oltre al Mar Cantabrico, com’è stata l’esperienza? Dove ti sei divertito di più?

EG: Ho pescato praticamente in tutti i mari del nostro paese, e senza dubbio è una cosa che va provata, per valutare e vedere quanto diversi siano gli atteggiamenti dei pesci in ogni luogo e, soprattutto, quali differenti tecniche utilizzano i pescatori per catturarli.

Senza dubbio il luogo per eccellenza delle mie uscite di pesca in apnea è lo Stretto di Gibilterra, mi sembra una pesca estrema, dove in ogni discesa puoi essere sorpreso dal pesce della tua vita, dove la corrente ti fa portare il corpo al limite, dove gli abissi, il colore dell’acqua, le condizioni sono estreme, vita pura!

BC. Pesca in apnea … cosa significa per te?

EG: Voglio essere realistico e sincero in questa risposta: è uno stile di vita che integra la vita reale, lasciatemi spiegare: non dobbiamo dimenticare che la nostra vita è la nostra famiglia, il nostro lavoro, i nostri amici … e che se non funziona bene, la pesca diventa meno significativa. Ma è vero che la pesca è un complemento necessario, essenziale in quella vita, qualcosa che dia senso ad ogni pomeriggio libero, qualcosa che dia speranza ogni notte che sappiamo che andremo in acqua il giorno dopo, il plus per raggiungere la felicità.

Titoli vinti dal campione Eder García.

Campione di Spagna under 23.
Terzo in Spagna per squadre.
2 volte campione assoluto individuale degli Euskadi.
Campione assoluto di Gipuzkoa.
Campionessa assoluta di Bizkaia.
Tre volte campione dei Paesi Baschi under 23.
Secondo classificato dei Paesi Baschi.
Secondo classificato Esukadi under 23.
Altri due podi nella competizione assoluta Euskadi.
Terzo nel campionato euskadi under 23.
Due sottocampionati dei Paesi Baschi a squadre.
Due secondi classificati dalla Vizcaya.

Eder García spigola
Eder García denti