Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Spagnolo

(di Carlo Forni)

Il nostro silenzio per rispetto alla famiglia

Sono trascorsi cinque giorni dalla devastante tragedia che ha colpito il mondo intero intorno all’atleta portoghese Matthias Sandeck, dalla sua famiglia e i suoi amici, alla sua squadra nazionale, a tutte le persone presenti al Campionato Euro Africano di Pesca in Apnea 2019 in Danimarca, a Svendborg, all’intero mondo della pesca subacquea. Cinque giorni che non sono ancora sufficienti per trovare la calma necessaria per scrivere e commentare quello che è successo ma, nonostante ciò, c’è  bisogno di fare il proprio lavoro come giornalista e chiarire e spiegare cosa è successo in questa “sfortunata” competizione.

Euro Africano 2019: partenza secondo giorno

Molte notizie e commenti su questa tragedia sono stati infatti già pubblicati sul web e sui social media, mentre come ApneaPassion, l’unico media che era effettivamente presente all’euro-africano, in mare, e per uno scherzo del destino direttamente coinvolto in qualche modo nella tragedia, abbiamo ridotto al minimo qualsiasi comunicazione, pur conoscnedo tutti i fatti e avvenimenti con precisione e in tempo reale. Non è stato facile. Consapevole della tragedia molto presto, presente quando il corpo del povero Matthias è stato recuperato da 20 metri di profondità, cosciente che era troppo tardi per sperare anche in un miracolo, dovevo rispettare prima di tutto le priorità del flusso di informazioni assicurandomi che la Federazione portoghese fosse già stata informata, e quindi la famiglia di Matthias Sandeck. Allo stesso tempo, sapevo che lo streaming live sulla pagina Facebook di ApneaPassion, immediatamente interrotto quando è diventato evidente che poteva esserci un problema con un atleta, avrebbe potuto già sollevare dubbi e preoccupazioni per un atleta coinvolto in un incidente. Ero tra la volontà di indicare chi fosse il concorrente coinvolto, in modo da informare le famiglie e gli amici di tutti gli altri partecipanti alla competizione che la persona a loro cara era al sicuro, e invece quella di attendere la conferma che la Famiglia di Matthias Sandeck fosse già stata informata, ed evitare quindi per loro l’ulteriore shock di leggere tale notizia su un post su Facebook. Infine, questa conferma è arrivata e abbiamo fornito informazioni sull’incidente che ha coinvolto Matthias Stanek. Tuttavia, solo quando la conferma della morte sarebbe stata ufficiale, avrei potuto informare tutti i follower sulla pagina Facebook di AP, ma a quel punto la notizia era già stata diffusa.

Partenza giorno 2: gli atleti hanno quasi raggiunto il ponte basso

Non conoscevo bene Matthias, gli ho fatto solo alcuni video, ma essendo presente durante tutta la tragedia e il recupero del suo corpo dal fondo del mare, è stato estremamente duro parlare dell’incidente e fino ad ora non ho avuto la forza e la capacità di scrivere un articolo sulla tragedia fino ad ora, ma soprattutto ho voluto rispettare il dolore della famiglia di Matthias, ed è per questo che non abbiamo nemmeno fatto alcuna comunicazione e analisi sui risultati ufficiali della competizione, che potremmo fare in seguito quando in qualche modo sentiremo che ciò avrà un senso.

Scherzo del destino, eravamo lì

È vero, come detto prima, che per curioso scherzo del destino, la barca con noi come squadra ApneaPassion, tra cui io e Gabriele Delbene, quest’ultimo continuamente in acqua per filmare gli atleti durante la loro azione, ha raggiunto l’area dell’incidente, il grande pilone dello Store Belt Bridge, il più lontano al limite estremo del campo di gara, trovando un gommone di supporto alla sicurezza dell’organizzazione che già stava cercando l’atleta che aveva lasciato la sua zattera-boa ancorata vicino al pilone. Nessun segno del pescatore, e mentre interrompevo immediatamente lo streaming, Gabriele Delbene si tuffava rapidamente in acqua, senza nemmeno sapere cosa avrebbe trovato, ma come grande atleta e campione è, cercando di fare in qualche modo tutto ciò che poteva per controllare l’area sott’acqua e cercare l’atleta.

Sfortunatamente Gabriele è uscito dopo molte immersioni senza fortuna e completamente congelato dall’acqua incredibilmente fredda e dalle terribili condizioni che ha trovato in profondità. È a questo punto corretto sapere direttamente da lui cosa ha trovato alla base del pilone del Store Belt Bridge.

Intervista a Gabriele Delbene, il primo a tentare la ricerca

Carlo Forni: Gabriele, prima di analizzare ciò che ha contribuire alla tragedia avvenuta all’Euro Africano in Danimarca, per favore, ora con un poco più di calma e dopo aver rispettato con giorni di silenzio il dolore della Famiglia di Matthias, poichè sei stato il primo ad andare in acqua a cercarlo, cosa hai trovato sott’acqua alla base del gigantesco pilone del Store Belt Bridge e cosa può essere successo a un atleta decisamente forte, visto faceva parte della Nazionale portoghese, che è sicuramente uno dei team più forti che partecipano a competizioni internazionali?

E uro Africano 2019 giorno 2: Delbene si prepara per tuffarsi

Gabriele Delbene: Appena entrato in acqua la situazione era inquietante, nei primi metri c’era una fitta sospensione lattiginosa che limitava la visibilità a circa 4 metri. Quando sono entrato in acqua non era ancora chiaro se Matthias fosse nelle vicinanze, per esempio appena fuori vista dietro il grande pilone dello Store Belt Bridge, o portato via dalla corrente a causa, ad esempio, di un crampo. Prima di tutto ho controllato la sua plancetta, trovandola ancorato a due tubi in corrispondenza del primo gradino del pilone a circa 5 metri di profondità. Sotto di essa erano attaccati due bei merluzzi, una cosa che mi ha fatto iniziare a sospettare che la situazione fosse critica, poiché con quelle catture un concorrente non lascia la plancetta troppo distante con il rischio di essere squalificato. Dopo di che ho iniziato a immergermi nell’acqua color verde bottiglia con, lo ammetto, la grande ansia di dover recuperare una persona priva di conoscenza dal fondo del mare. La temperatura era abbastanza buona in superficie, ma il colore dell’acqua diventava ancora più scuro a causa dell’ombra del grande pilone di cemento. Per aiutarmi in condizioni così buie ho usato come guida la parete perfettamente verticale del pilone. Metro dopo metro, andando verso il fondo, le cose cambiavano rapidamente. Da una temperatura dell’acqua confortevole, questa è diminuita rapidamente con tagli sempre più freddi, diventando completamente gelida e glaciale sotto i 20 metri. Le distese d’acqua lattiginose si sono concluse ad una profondità di 10 metri, ma la mancanza di luce generata dalla giornata nuvolosa, l’ombra del ponte e la densa sospensione hanno dato all’acqua l’effetto dell’oscurità estrema che si trova in molti laghi. Lo scenario era spettrale, con acqua torbida, temperatura glaciale e una forte corrente. Le pietre erano posizionate a profondità che variavano da -22 a -27 metri. L’acqua sul fondo era decisamente freddissima come raramente ho sperimentato prima. In una delle immersioni ho dovuto persino tornare in superficie in anticipo, non per la mancanza di apnea, ma per il terribile shock termico anche se indossavo una giacca da 7 mm.

Lo zona era così scura sott’acqua che devo aver esplorato un’area a 10 metri da dove Matthias è stato poi recuperato senza vederlo. Per vedere bene sarebbe stata necessaria una torcia, ma io non ero equipaggiato per una situazione del genere (Garbriele stava realizzando video degli atleti sott’acqua per un video reportage della competizione). Sicuramente, il malanno che ha colpito Matthias è stata una sincope ipossica, il nostro primo nemico.

CF: Gabriele, sei stato sul posto dell’incidente, ma hai anche seguito l’intera competizione in acqua, a partire dal primo giorno e nelle zone delle donne e degli uomini, e sei stato in grado di vedere entrambi i giorni, in qualche modo anche più degli stessi atleti perchè avevi la barca per spostarti, che tipo di fondali marini sono quelli danesi. E’ possibile che pescare sempre in acque abbastanza basse in pochi metri di profondità e poi, improvvisamente il secondo giorno, sotto i piloni del Store Belt Bridge, trovare più di 20 metri di profondità abbia colto di sopresa Matthias Sandeck?

GDB: L’area dell’incidente è stata il punto più profondo, ma forse anche con i più grandi merluzzi dell’intera zona di competizione. Matthias Sandeck probabilmente ha capito di avere la possibilità di ottenere buoni risultati avendo visto anche De Mola e Losito andare direttamente su quel grande pilone, raggiungibile con più di un’ora di nuoto ininterrotto. Altri atleti insieme agli italiani avevano scelto quel pilone per lottare per le migliori catture, e in quelle difficili condizioni l’agonismo ha certamente esercitato una forte pressione sul corpo e sulla mente. Molto probabilmente Matthias, nonostante fosse arrivato in Danimarca prima (la domenica precedente) degli altri atleti del team portoghese arrivati mercoledì (il Portogallo ha fatto solo un giorno di preparazione), si è comunque trovato in una situazione inaspettata, nonostante le condizioni danesi fossero simili a quelle che spesso lui trovava in Portogallo. De Mola e Losito, che sono profondisti, sapendo in anticipo che dovevano sfidare condizioni al limite, erano ben organizzati per effettuare immersioni ad assetto variabile con sgancio, una tecnica che ha aiutato le loro prestazioni, ma soprattutto ha permesso loro di ridurre i rischi. La pesca in quelle condizioni a – 25 metri è equivalente ad almeno una dozzina di metri di profondità in più rispetto a condizioni ottimali, quindi un’immersione in assetto costante era sicuramente estremamente più pericolosa.

Store Belt Bridge in Danimarca – un concorrente ritorna a nuoto

CF: Gabriele hai anche seguito da molto vicino le fasi del recupero di Matthias dopo che Valerio Losito l’aveva trovato, a circa 20 metri di profondità, vicino alla plancetta abbandonata alla base dell’enorme pilone del Store Belt Bridge. Poichè Losito, come ci ha raccontato, era alla fine della sua apnea quando ha visto Matthias, sono stati poi gli atleti danese e finlandese, Johan Nielsen e Kim Jaatinen, a completare il recupero. Non approfondiremo i dettagli di questa fase, perché chi era lì, incluso me, ha nei suoi occhi e nel suo cuore immagini strazianti, ma può descriverci e spiegarci la possibile dinamica dell’incidente e la successiva sincope ipossica?

GDB: Per quanto ne sappiamo, Matthias aveva visto Giacomo De Mola chiudere i 5 merluzzi con alcuni di loro molto grandi, trovandoli in acque profonde. I due atleti avevano parlato e il portoghese, dimostrando grande sportività, aveva persino incitato l’italiano a cercare la vittoria. Potremmo supporre che Matthias, come tutti i concorrenti, sia stato provato dalle lunghissime nuotate dei 2 giorni di competizione e trovandosi in una situazione forse inaspettata, ma con un ottimo risultato possibile, è stato in qualche modo tentato di pescare in un posto così difficile in assetto costante, perché evidentemente ha sottovalutato i rischi di pescare nelle acque danesi a profondità mediterranee non usando l’assetto variabile. Tutto questo, sfortunatamente, è stato fatale per lui. In ogni caso anche ci fosse stato un safety diver con lui, posso assicurare che il rischio di perdere di vista l’atleta con quella ridottissima visibilità era molto alto.

Pale eoliche nel campo gara del secondo giorno dell'Euro Africano 2019 
Pale eoliche nel campo gara del secondo giorno dell’Euro Africano 2019

CF: Gabriele, la tragedia accaduta al campionato euro-africano di pesca in apnea 2019 in Danimarca ci ha lasciati tutti scioccati, poiché anche se il formato della competizione aveva generato perplessità, mai durante le competizioni internazionali in passato si era verificato un incidente mortale. Se dalla mia sono convinto al 100% che la vita di Matthias Sandeck dovrebbe almeno aiutare a determinare una vera rivoluzione nelle competizioni di pesca in apnea, dove la sicurezza dovrà raggiungere i livelli più alti come mai prima d’ora, senza compromessi legati ai regolamenti nazionali e alla necessità di avere più o meno spettacolo, sempre consapevoli ovviamente che il mare non assicura mai la sicurezza, che è secondo te il possibile formato delle competizioni di pesca subacquea su un punto organizzativo e, va detto, anche dal punto di vista economico, ottenere tale risultato?

GDB: Fin dall’inizio dei miei seminari intensivi di pesca subacquea, obbligo gli studenti a pescare in coppia con un solo fucile. L’individualità è messa da parte poiché bisogna aspettare che il resurfacing del suo compagno sia in grado di continuare la sua azione di pesca in apnea. Per me questa è la migliore forma di sicurezza. Il formato potrebbe vedere il subacqueo di sicurezza anche come commissario di gara. Naturalmente, anche la barca di supporto per ciascun sub aumenterebbe il livello di reattività in caso di emergenza. Già dagli anni ’90 sono anche promotore di attività a peso variabile per immersioni profonde. Le statistiche sulla mortalità mostrano un numero estremamente elevato di decessi tra coloro che praticano un peso costante, a causa del fatto che generalmente la sincope si verifica vicino alla superficie e dopo il blocco respiratorio, la normale ventilazione si riavvia, ma se si respira acqua senza fare snorkeling in bocca , il corpo cambia equilibrio e scende come è successo al povero Matthias. A peso variabile si ritorna sempre in superficie a causa della grande positività e galleggiamento, quindi spesso si può essere supportati dalla persona sulla barca che in caso di svenimento sarà in grado di aiutarci rapidamente a ricominciare a respirare. Se si rispettano lunghi periodi di riposo in superficie, anche il rischio di Taravana può diventare solo un pensiero. Tutti questi aspetti, tutti insieme, possono proteggerci da quasi tutti i possibili rischi.