Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Spagnolo

(Testo Valentina Prokic, foto www.boatfishing.gr)

Introduzione

Gerasimos Kavvadias (XT Diving Pro) ha vinto il suo primo titolo come campione nazionale greco. Secondo è stato Giannis Sideris (Pathos) e terzo Yiannis Ringas (XT Diving Pro).

Gerasimos Kavvadias campione greco di pesca in apnea 2020

“È difficile essere sicuri di vincere nel nostro sport, ma voglio sempre primeggiare quando vado a una competizione. Personalmente, non mi aspettavo di vincere perché Porto Heli è la zona di Sideris, ma i miei amici lo pensavano. Mi è stato detto che ero in buona forma, che era giunto il momento per me di vincere finalmente il titolo di campione, perché ero stato secondo tre volte e terzo una volta nei campionati individuali “, ha detto Gerasimos Kavvadias.

Lo scorso fine settimana, 31 ottobre e 1 novembre, nella zona di Porto Heli, si è svolto il campionato di due giorni organizzato dal Club Alias ​​Porto Heli. 19 atleti hanno partecipato al Campionato Nazionale greco.

Giorno 1

Kavvadias è stato in testa nel primo giorno con 27600 punti, Giannis Sideris è stato terzo con 21380 punti e Yiannis Ringas quinto con 10300 punti.

Kavvadias ha catturato una cernia bruna di 9040 grammi (conta solo fino a un massimo di 6 kg), due cernie bianche di 3520 grammi e 2940 grammi, due corvine, tre pesci pappagallo, un pesce balestra grigio di 1500 grammi e una ricciola di 3340 grammi, per un totale di 10 pesci e sei specie.

“Non mi sono mai tuffato in questa zona, ma credo che sia anche un vantaggio perché se non conosci la zona puoi provare tutto, sei libero. Quando sei a casa è sempre la più dura vincere, tutti se lo aspettano da te perché conosci meglio la zona, ma d’altra parte ciò che conosci influisce sempre in qualche modo sulla tua tattica “, ha detto Gerasimos Kavvadias.

Per il terzo posto, Sideris ha catturato due cernie bianche di 5580 e 2480 grammi, quattro pesci balestra grigi e un pesce pappagallo.

Vivo a Porto Heli, ma qui non pesco, perché non mi piace. Sono andato tre giorni in scouting e quattro giorni a controllare gli spot che ho trovato. Quando sono arrivati ​​gli altri atleti ho smesso di andare in mare. La seconda zona era praticamente un’isola dove ho trascorso cinque giorni. Il primo giorno tutti i punti in cui mi sono immerso erano nuovi per me. La maggior parte dei pesci aveva cambiato posto, quindi ho dovuto cambiare molti punti per catturare il pesce. Ero libero nel pensare a cosa fare dopo, dove e cosa catturare. Il mio piano è sempre il podio quindi questo risultato è buono per me “, ha detto Giannis Sideris.

Giannis Sideris alla pesa

Ringas ha portato alla pesatura due pesci pappagallo, due balestra grigi, una ricciola e una cernia bianca da 3220 grammi.

“Durante il primo giorno ho perso una cernia di circa 5-6 chili che si è incastrata in tana e una cernia dorata di circa 3,5 chili, l’estremità dell’asta si è rotta e l’ho persa. Ma il secondo giorno è stato il mio giorno e ho preso un grande cernia e ho vinto la giornata. Alla fine il quinto e il primo posto sono bastati per il podio “, ha detto Yiannis Ringas.

Ringas ha trascorso cinque giorni in preparazione e ha pescato tra i 10 e i 43 metri.

“La zona era profonda e mi aspettavo di fare bene, ma non tutto è stato perfetto. È stata una competizione difficile perché avevo atleti molto forti contro cui competere, soprattutto Sideris, visto che Porto Heli è la sua casa”, ha detto Ringas. Ringas è atleta XT Diving Pro, ed ha pescato con pinne XT Dving Pro modello Competition, e arbalete KM Dive e El Greco Spearfishing.

Yiannis Ringas, Thasos Chalaris e il team XT Diving Pro

Le condizioni erano ottime durante i due giorni di gara, ma anche nei giorni di preparazione.

“Non riesco ad avere 10-15 giorni per prepararmi a causa del lavoro, lavoro a scuola, quindi ero in preparazione per sette giorni, ma un giorno non potevamo andare in mare a causa del tempo. Gli altri sei giorni come i giorni di gara il tempo era buono, il mare calmo, senza vento, senza corrente. La visibilità è cambiata, in alcuni punti era di tre, quattro metri, in alcuni da otto a dieci metri, da qualche parte anche a 20 metri ” , ha spiegato Gerasimos Kavvadias.

Giorno 2

Yiannis Ringas ha vinto il secondo giorno con 15820 punti. Ha ottenuto una cernia bruna di 11680 grammi (conta solo fino a 6 kg massimo), tre corvine, un pesce pappagallo, un dentice di 1160 grammi e una orata.

Al secondo posto Sideris, che ha catturato una cernia bianca di 3960 grammi, due corvine e tre tordi, e ha ottenuto 12680 punti.

“Ho pescato tutti i pesci da 48 a 59,7 metri di profondità. La cernia bianca era l’unico pesce che conoscevo dalla preparazione. Poco profondo ho trovato solo i saraghi, che erano a 12 metri, ma la corvina era a 59,7 metri. La visibilità era buono in entrambe le giornate, e la temperatura sui 23 gradi. Il termoclino era sopra i 52-53 metri. La maggior parte delle grotte erano troppo profonde perché nella nostra competizione la torcia è vietata. Quindi si capisce quanto sia difficile un agguato sotto i 50 metri. “, ha spiegato Sideris.

Sideris ha utilizzato attrezzatura Pathos muta yamamoto 7mm, arbalete Pathos Laser 75, Pathos Laser 95 2×16 con asta da 6,5mm e Pathos Laser 120 2×18 con asta da 7mm.

Kavvadias è arrivato quarto nella seconda giornata con 9240 punti, ma alla fine è bastato per il titolo.

Aveva in carniere una cernia d’orata di 2680 grammi e una cernia screziata di 4760 grammi.

“La mia tattica è stata quella di essere efficace in una zona, catturare più pesci possibili, fare una differenza maggiore e poi giocare in posizioni sicure nell’altra zona. Volevo catturare quel pesce in più, per essere sicuro della vittoria, ma alla fine una cernia mi è scappata “, ha detto Kavvadis.

“Ho fatto tutto quello che avevo programmato in due giorni. Mi dispiace che la cernia sia scappata nell’ultima immersione con l’asta penetrata. Era il pesce meno profondo che avevo, a 34 metri. Pesava circa 8 chilogrammi e se l’avessi catturata avrei già avuto il titolo in mano, senza dubbio. In questo modo pensavo di aver perso contro Sideris del due, tre percento. Ma Yiannis Ringas ha fatto un buon lavoro l’altro giorno perché aveva un sacco di pesci e così la differenza percentuale tra me e Sideris è stata minore. Il pesce più profondo è stata una cernia bianca di 3,5 kg che ho pescato a 57 metri “, ha detto il neo campione greco.

Kavvadias ha utilizzato una muta Heiwa da 7 mm di XT Diving Pro, pinne XT Diving Pro modello G.Kavvadias e arbalete KM Dive ed El Greco.

Il pesce più grande del campionato è stato catturato dal diciottenne Apostolos Tzoumakas, una cernia di 13860 grammi a circa 40 metri di profondità. Tzoumakas ha anche catturato una bella ricciola a 52 metri di profondità. È un campione di corsa in montagna, ma anche molto talentuoso per la pesca in apnea.

Apostolos Tzoumakas

Apostolos Tzoumakas ha catturato il pesce più grande del campionatoLambros Dertilis ha catturato il maggior numero di pesci, 14.

Di seguito i risultati completi del Campionato nazionale greco di pesca in apnea 2020.