Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Spagnolo

(Testi e foto di Valentina Prokic)

Split Team vince davanti a Luben e Volosko

I pescatori in apnea del club di Spalato, Ervin Siriscevic, Tonci Siriscevic e Petar Prkic, sono i vincitori del 27° Campionato croato di pesca in apnea a squadre svoltosi grazie all’organizzazione del Club Volosko nelle acque dell’isola di Krk.

Durante le cinque ore di pesca nella zona tra l’ingresso al porto della città di Omisalj e il monastero di Glavotok, il trio di Spalato ha catturato quattro cefali, due saraghi, due tordi verdi, un tordo pavone, uno scorfano rosso e quattro gronghi, che ha portato loro 19932 punti.

Il secondo posto nella competizione a 12 squadre è andato al Team Luben di Rijeka, con Boris Reinic, Aleksandar Tomic e Dario Babic.

Reinic, Tomic e Babic hanno raccolto 18609 punti e avevano cinque muggini, due tordi verdi, due tordi pavone e cinque gronghi sul filo.

“Abbiamo fatto la maggior parte del controllo della zona durante il mese di marzo mentre c’era la quarantena a causa del virus, e poi abbiamo trovato alcuni nuovi punti, quindi ne abbiamo approfittato. Era molto difficile spostarsi via mare, era impossibile andare in una zona del campo gara. Volevamo pescare nella parte verso Omisalj, ma non potevamo, c’era molta corrente e abbiamo perso troppo tempo sugli spot. Dopo due ore il nostro GPS ha smesso di funzionare, quindi abbiamo dovuto improvvisare con le posizioni. Abbiamo catturato la maggior parte del pesce in quelle prime due ore”, ha detto l’esperto Boris Reinic.

Reinic (56), Tomic (47), Babić (46) e lo skipper Miljenko Ban (63) sono sicuramente la squadra più esperta del campionato, che può facilmente combattere con pescasub molto più giovani.

La terza posizione è stata vinta dalla squadra del Club degli organizzatori Volosko – Luka Kamenski, Sasa Tomis e Bruno Zic.

Avevano pesci del valore di 16.633 punti sulla linea: quattro gronghi, un sarago, due scorfani rossi e cinque cefali.

Il tempo non è andato a vantaggio dei concorrenti e degli organizzatori, perché il forte vento del sud, le grandi onde e la corrente hanno reso difficile spostarsi e rimanere in una posizione, ma solo due squadre sono rimaste senza una cattura valida. Quindi, anche con condizioni difficili, i pescasub sono riusciti a portare delle belle catture alla pesatura.

Il pesce più prezioso è stato catturato da Sandi Imbrisic della squadra al quarto posto di Marlera Liznjan, una musdela di 1605 grammi, e il più grande scorfano rosso di 1366 grammi è stato catturato da Matej Njavro (Pjescana uvala).

I vincitori: Split Team – Tonci Siriscevic – Ervin Siriscevic and Petar Prkic
Team Split – Petar Prkic – Tonci Siriscevic – Ervin Siriscevic
2° Luben Rijeka – Miljenko Ban – Dario Babic – Boris Reinic – Aleksandar Tomic
2° Luben Rijeka – Dario Babic, Aleksandar Tomic and Boris Reinic
3° Volosko – Sasa Tomic – Bruno Zic – Luka Kamenski
3° Volosko – Bruno Zic, Luka Kamenski and Sasa Tomic
4° Marlera Liznjan – Sandi Imbrisic – Ivan Kosuta – Sandi Perusko
6° Pjescana Uvala – Manuel Sirola – Dejan Mickovic – Matej Njavro
Sandi Imbrisic -(Marlera Liznjan) with most valuable fish – forkbeard 1605 grams
Sandi Imbrisic (Marlera Liznjan) prize for most valuable fish Salvimar speargun
Matej Njavro (Pjescana Uvala) caught biggest red scorpionfish 1366 grams