Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Spagnolo

Introduzione

Le pale XT Diving Pro Pteryx Long sono tra le più avanzate soluzioni in fibra di carbonio dell’azienda greca, specializzata in pinne, mute e aste. Le pale XT Diving Pro Pteryx Long le abbiamo già presentate nella rubirca dei raggi X, ma ora Giovanni Metafuni le ha testate a fondo e … leggete per conoscere i risultati straordinari.

Prime impressioni

Le pale delle pinne XT Diving Pro Pteryx Long sembrano avere il composito più performante che io abbia mai provato. Partiamo anzitutto dall’aspetto visivo. Già ad occhio nudo si intravede dalla superifcie lucida della pala delle XT Diving Pro Pteryx Long la progettualità romboidale impostata in fase di costruzione, che conferisce alle pale, oltre ad una bella estestica, una morbidezza e una reattività estremamente elevata.

Trasferimenti in superifice

Le XT Diving Pro Pteryx Long hanno il loro punto assoluto di forza nello spostamento in superficie, che non teme neppure la corrente più sostenuta. La pinneggiata risulta “completa”, sempre morbida ed efficace, e non stanca mai gli arti, facendoti avanzare senza esitazione e alcuna difficoltà.

Tuffi medi e profondi

Nei tuffi entro i 15 metri, come quelli fino ai 30 mt le XT Diving Pro Pteryx Long risultano davvero piacevoli con lo stacco dal fondo che è sempre pronto ed efficace, con una sensazione di leggerezza che ci da quasi la sensazione di non avere le pinne ai piedi. La velocità di risalita per uno della mia stazza, 190 cm per 92 kg è di circa 56/58 mt al minuto, pinneggiando normalmente…niente male vero?

Bassofondo

Unico punto debole per le XT Diving Pro Pteryx Long si presenta nel bassofondo, dove la loro generosa lunghezza si fa sentire limitandone i movimenti, come del resto accade per molte pinne con pale di analoghe dimensione.

Conclusioni

Le sensazioni nell’utilizzo delle XT Diving Pro Pteryx Long sono davvero entusiasmanti, e ne sono stato realmente impressionato già dalle prime pinneggiate. La leggerezza delle pale in composito e il ridottissimo sforzo sugli arti inferiori rappresentano un reale punto di riferimenti nel mercato delle pinne in fibra di carbonio.