Advertisement

Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Spagnolo

Direttamente dalla Grecia abbiamo testato uno degli arbalete di punta della Blue Green, il Falcon Carbon Open 90che ci ha impressionati, soprattutto per il meccanismo di sgancio.

Meccanismo di sgancio brevettato, fusto in fibra di carbonio ad alto modulo, testata integrata con calamita di posizionamento dell’asta. Il Falcon Carbon ha mostrato potenza e precisione, grazie anche ad un rinculo ridottissimo ed una struttura dalla massima rigidità.

Per il prezzo del Falcon e i prodotti Blue Green in Italia contattare Gibarsub.

 

Caricamento

Facile ed intuitivo, con gli elatici ben posizionati che non rischiano di spostarsi in modo fastidioso durante il caricamento, il Falcon offre una semplicità di utilizzo notevole, con anche una aletta di abbassamento della sagola che libera la parte superiore del fusto nella zona del meccanismo di sgancio. Semplice la testata, può capitare che il monofilo si sganci dalla stessa se non ben inserito, per cui sarebbe forse consigliabile un intaglio più profondo per il passaggio del monofilo. Dopo lo sparo l’aletta di aggancio del monofilo sul meccansimo di sgancio va arretrata con la mano, pena il mancato aggancio dell’elsa nel maccansimo di sgancio: poco fastidio, ma perfezionabile. La calamita in punta integrata nel carbonio aiuta a tenere l’asta in posizione in fase di ricarica, ma non è un fissaggio particolarmente forte e non permette di mantenere l’asta in posizione quando l’arbalete è rovesciato senza il monofilo a bloccare l’asta stessa.

 

Bilanciamento

Con l’asta da 130 e diametro 6,5 mm, il bilanciamento del Falcon risulta avere la punta più leggera dell’impugnatura. Ciò però non comporta uno sbilanciamento in assoluto, anzi. Impugnando il Falcon, la sensazione è quella di non dover in alcun modo fare fatica nel reggere il fucile. Qualsiasi sia la posizione nella quale si posiziona la punta del falcon, questa resta perfettamente ferma, sia che il fusto sia posizionato orizzontalmente, sia che sia con la punta verso l’alto o verso il basso. Questo aspetto ci è molto piaciuto durante la prova in mare, perchè rende tutto più confortevole e intuitivo nell’uso dell’arbalete.

 

Brandeggio

Le dimensioni piuttosto compatte del fusto a sezione circolare, di diametro 3 cm, e il posizionamento ben profilato dei doppi elastici da 16 mm, permettono un buon brandeggio del Falcon in ogni situazione. Inoltre, il meccanismo di sgancio molto arretrato rispetto anche alla migliore concorrenza permette di avere una lunghezza utile dell’arbalete paragonabile almeno ad una soluzione tradizionale da 100 cm. Di conseguenza il brandeggio risulta ottimizzato rispetto alla lunghezza utile di caricamento degli elastici e quindi le prestazioni di sparo.

FalconCarbon90Loaded

Impugnatura

Veramente ottima la soluzione con superficie frastagliata e antiscivolamento in spalmato di gomma PU, che offre una sicurezza notevole nell’impugnare il Falcon. L’impugnatura può risultare un poco piccola e ravvicinata al grilletto per chi ha le mani grandi.

Sparo e mulinello

Lo sparo in generale risulta veramente ottimo. Anzittutto è veramente molto valida la potenza, sia grazie alla lunghezza utile ottimizzata, sia per una struttura che unisce la ligidità del fusto in fibra di carbonio con la struttura del meccanismo di sgancio, che è un tutt’uno con l’impugnatura (sistema brevettato Blue Green). Gli elastici evidentemente fanno il loro dovere, anche con una ottima prontezza/reattività. Non solo. Il meccanismo di sgancio, realizzato con due superfici in metallo a contatto con superficie maggiorata, permette una sensibilità elevatissima e una conseguente precisione di tiro, anche come tempistica di sparo, eccellente.

Il mulinello segue la filosofia greca, dove la frizione serve solo, quando stretta, a tenere tesa la sagola e il monofilo, ma si libera completamente appena si colpisce la preda. Questa soluzione offre buona sicurezza con le grosse prede, soprattutto se catturate in profondità, permettendo al pescatore in apnea di risalire rapidamente, senza che una frizione chiusa freni l’ascesa del pascatore. Meno confortevole è il caso nel quale si colpisce un pesce di dimensioni ridotte che comunque ha la forza di srotolare molta sagola nel momento in cui la frizione, come appunto nel caso del mulinello della Blue Green, si apre completamente.

Advertisement